skip to Main Content
Che Tipo Di Imprenditori Siamo?

Che tipo di Imprenditori siamo?

Che tipo di imprenditore siamo? Questa riflessione ha come spunto iniziale un capoverso tratto dal libro “La gioia di vivere” di Vittorino Andreoli.

Sulla bilancia del contendere da un lato un sano ed alcune volte esasperato ottimismo che ci porta a credere in modo cieco nel futuro portandoci quasi all’immobilismo. Dall’altro un’esagerata propensione al pessimismo che può portarci ad un esagerato ed inconsapevole iperattivismo.

Ed è cosi che portandolo sul piano del Marketing e del Business mi sono chiesto quale potrebbe essere il giusto atteggiamento.

Come sempre la verità a mio avviso sta nel mezzo e tolti gli estremi credo che un mix di sano ottimismo e di concreto pessimismo ci consentono di vedere in modo distaccato il nostro business facendone apprezzare anche gli aspetti umani.

Tradotto in parole povere il pessimismo ci consente di guardare al nostro Business, ai Piani di Comunicazione che realizziamo, alle Strategie Marketing che mettiamo in atto, con quella giusta distanza che ci permette di capire se la strada che stiamo percorrendo è quella giusta oppure no.
Dall’altro lato l’ottimismo ci consente di mantenere quell’audacia che, se non ci fosse e dovessimo vedere sempre tutto estremamente nero, non avremmo il coraggio di pianificare nuovi investimenti e fare quello che agli Imprenditore viene chiesto ogni giorno: cioè quello di far impresa, di rischiare, di investire, di credere nel futuro e quindi di costruire nuovi servizi, prodotti ed aziende.

Dovremmo avere la capacita di miscelare in modo corretto ed oculato questi due ingredienti per evitare che l’estremo ottimismo ci porti addirittura al senso opposto e cioè che forti del fatto che tutto andrà bene non facciamo nulla. Pariteticamente, il pessimismo, potrebbe anche farci generare una spirale iper attivista, temerari del fatto che le azioni che stiamo intraprendendo non sono sufficienti a mantenere il nostro business e a raggiungere gli obiettivi prefissati.

Forse la realizzazione e mantenimento di un accurato business plan ci consente di avere una migliore visione del presente ed una migliore analisi del futuro.

Sarà che credo fermamente nel valore dei numeri e che la matematica è alla base dell’universo che l’adozione di questa soluzione basata su calcolo, statistiche e percentuali mi consente di vivere in modo ottimisticamente negativo il presente.

Buona giornata a tutti

Donato Cremonesi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top