skip to Main Content
Importanza Di Un Logo: 5 Motivi Per Cui Devi Averne Uno

L’importanza di un logo: 5 motivi per cui devi averne uno

Che cos’è un logo? Un logo è una combinazione di simboli grafici e tipografici con due scopi precisi: far conoscere alle persone il nome della tua azienda e creare un simbolo visivo che rappresenta la tua attività. Non solo, c’è di più. È il segno distintivo della tua brand identity e del suo mondo valoriale; il passe-partout che ti permetterà di essere immediatamente riconoscibile agli occhi del consumatore, creando unicità e visibilità sul mercato.

Perché hai bisogno di un logo? Semplice, avere un logo, ben progettato e coerente con la propria attività, crea fiducia. Inoltre, è un potente strumento di comunicazione: un logo può “urlare” al mondo intero e ai potenziali clienti chi sei, che tipo di prodotto o servizio vendi o quali vantaggi offri ai consumatori.

Perché è importante avere un logo? Ecco pronti per te 5 motivi per cui è fondamentale averne uno.

#1 Un logo rivela chi sei: la tua unicità

Un logo rivela visivamente chi sei, è subito riconoscibile e fortemente identitario perché è unico. Per comprendere ancora più facilmente la sua importanza, pensa, ad esempio, a Coca Cola, Nike o Mcdonald. Riusciresti ad immaginarli con un altro logo? Prendere spunto dai grandi brand è molto importante, ma ricorda che è più redditizio fare qualcosa di originale, studiato ad hoc per il tuo business.

#2 È un richiamo per i tuoi clienti

Il logo è la punta dell’iceberg delle strategie di marketing della tua azienda. Nella migliore delle ipotesi il logo deve arrivare a significare quelli che sono le idee di mission e i valori della tua azienda. Per esempio quando vedi la mela di Apple sai già che prodotto di aspetta: altamente tecnologico, con un focus sul design e un prezzo medio –alto.

Inoltre, avere un logo ti permette di comunicare in modo immediato con i tuoi potenziali clienti, senza la mediazione delle parole.

#3 Ti distingue dalla concorrenza

Progettare un logo che voglia davvero fare la differenza è un lavoro che richiede tempo e ricerca. Non disperare se non verrà subito fuori, ricordati che Roma non è stata costruita in un giorno, e neanche i migliori loghi dei brand di maggiore successo. Abbi pazienza e lavora duro, la creatività arriva.

Tieni sempre a mente che un logo rappresenta chi sei, ma dovrebbe anche differenziarti dalla concorrenza. Trova il coraggio di osare e di fare la differenza.

#4 Facilità la brand loalty

L’obiettivo del logo aziendale è quello di creare un attaccamento alla marca da parte dei consumatori, in una sola parola: fiducia. La potenza di un logo efficace arriva a fare breccia nel cuore delle persone, toccando le emozioni e rispondendo a dei bisogni e desideri, solo così un brand diventa memorabile, solo così viene ricordato e diventa incofondibile.

#5 Puoi promuoverti ed essere ovunque

Dopo aver costruito la tua brand identity, trovato il logo che sintetizzerà la tua mission e i tuoi valori, sei pronto per applicare il tuo simbolo distintivo su tutti gli elementi visivi che userai per promuovere la tua azienda: dalla brochure ai biglietti da visita, dal sito web ai social network, dallo store online all’e-commerce, a tutto il marketing dei tuoi prodotti. Il logo sarà la tua firma, l’anima della tua corporate identity.

Ora, tocca a te: hai già un logo? Che cosa comunica e rappresenta?

EDI, la moneta unica europea di trasferimento dei dati ?

Da circa 10 anni seguiamo con molto interesse la filiera dell’elettrico.

Avendo sviluppato le attività di marketing e comunicazione per Metel abbiamo avuto l’opportunità e la fortuna di analizzare i diversi aspetti, anche opposti, di questo fantastico mondo.

Certo se lo guardiamo in modo distaccato l’EDI è l’espressione di bit e byte.

Ma se ci avviciniamo a questo mondo e ci lasciamo trascinare dalla curiosità e dall’interesse si può capire che dietro a quel filare infinito di 0 e 1 ci stanno culture, progetti, riunioni ed aspettative.

Perchè effettivamente l’EDI è tutto questo.

Amiamo coniare definizioni ed acronimi e ci piace pensare all’EDI come alla “moneta unica europea di trasferimento dei dati”.

Niente definizioni scientifiche, semplicemente l’EDI potrebbe diventare la spina dorsale del sistema nevralgico europeo.

La filiera dell’elettrico è una piccola parte del “Sistema Italia” ma sicuramente è una delle poche che si evidenzia per capacità collaborativa e dove il concetto “Business Collaboration” spesse volte va oltre le logiche Aziendali.

E’ uno dei pochi casi dove l’equazione “dato un problema c’è sempre una soluzione” funziona.

Quindi si potrebbe pensare all’EDI come a quel sistema che porta con se un’infinità di informazioni.

Oggi si parla di codici prodotto, descrizioni, immagini etc… ma domani si parlerà ed integrerà tutto l’aspetto social….compresi i video.

Basti pensare che, una sua implementazione in Google+ ad esempio, permetterebbe di vedere quante persone cliccano +1 su un prodotto.

E queste informazioni vengono pubblicate anche dal motore di ricerca Google. Sostanzialmente avremmo una survey costante ed in tempo reale.

Ma le applicazioni potrebbero essere infinite, come l’inserimento dei prodotti in cataloghi multimediali tipo ISSUU, oppure collegati a clip video su youtube.

Articolo redatto da Idee e Soluzioni
www.ideesoluzioni.it

Born To Ride

Giacomo Lucchetti a “Born to Ride” su Mediaset Italia 2

Born To RideQuesta sera Giacomo Lucchetti, testimonial dell’evento Vip for People organizzato dal dipartimento Key Events di Idee e Soluzioni, terrà la rubrica “La staccata” durante la trasmissione “Born to ride – E ti bastano due ruote”. La trasmissione sarà condotta da Roberto Parodi, giornalista, scrittore e viaggiatore che ha una passione senza limiti per il mondo a due ruote.
Lucchetti approfondirà nei suoi interventi tematiche relative alle tecniche di guida, forte della sua esperienza di pilota di Gran Premio e fornendo consigli stradali degni di un Campione italiano. In particolare, nella serata di mercoledì 3 dicembre il Campione 250 spiegherà ai telespettatori tutti i segreti di un’ottima Frenata. Giacomo sarà inoltre il presentatore della rubrica “Corto raggio”, dove vengono presi in considerazione gli interventi dei telespettatori che hanno la possibilità di inviare le proprie idee relative a viaggi brevi e realizzabili all’interno del nostro Paese e nell’arco di pochi giorni, ma che rientrano pienamente nello spirito di avventura di Born to Ride. Durante il programma sarà presente anche Marco Berardi, il giovanissimo rapper romano che si occuperà dello spazio denominato “Young to Ride”. In questa sezione si parlerà della passione per il motociclismo vissuta dagli occhi di ragazzi di vent’anni che, proprio come Marco, vivono nei pressi di Roma e Tivoli (la città di Berardi).

Roberto Parodi sarà il regista di questa trasmissione che è giunta ormai al suo terzo ciclo. Nato nel 2012 come Rider’s Café, il programma è incentrato sulle tematiche più care a Parodi che riguardano il mondo del motociclismo. Come testimoniato anche dai libri da lui pubblicati, “Controsole” e “Scheggia” usciti per TEA libri rispettivamente nel 2011 e nel 2011 (per non parlare del primo libro, “Cuore a due cilindri” pubblicato nel 2008 per FBE e in ripubblicazione presso TEA), Parodi conserva lo spirito ribelle del biker che in sella alla sua Harly-Davidson attraversa il mondo intero, dalla Coast to Coast americana alla Transafricana (da lui stesso percorsa) che porta a Cape Town in Sudafrica.

Evento Metel 2009: un caso di successo

Nella splendida cornice di Palazzo Mezzanotte, sede della Borsa Italiana, l’11 novembre si  è tenuto l’Evento della filiera del settore elettrico.
Hanno aderito circa 200 aziende e le protagoniste sono state le tre associazioni di categoria:  ANIE, ARAME, FME.

L’organizzazione dell’ Evento ha richiesto molto impegno da parte della nostra agenzia di marketing e comunicazione che è stato ampiamente ripagato dai tanti consensi ricevuti.

Se anche tu hai l’esigenza di creare un evento di successo contatta la ns. Agenzia T. 0236648610, oppure invia una email info@ideesoluzioni.it

Back To Top