Il Marketing scopre l'Olio di Palma skip to Main Content
Il Marketing Scopre L’Olio Di Palma

Il Marketing scopre l’Olio di Palma

Credo che da qualche mese sia chiaro a tutti noi che, nei prodotti che mangiamo ogni giorno, era presente una grande quantità di olio di palma.
Va detto che è uno degli oli più scadenti che si possa utilizzare in cucina, ma al peggio non c’è mai limite.

Il punto che però mi preme sottolineare è un altro. E’ il punto di vista markettaro.

Perchè le Aziende, si sentono in dovere di specificare che il prodotto è privo di Olio di Palma?

Credo che nel 99% dei casi è dovuto al fatto che fino a ieri, i loro prodotti erano realizzati proprio con quell’olio. Tant’è che sono pochissime le pubblicità che dicono: “Da sempre realizziamo i nostri prodotti senza olio di palma” (ma questo non vuol nemmeno dire che utilizzino un buon olio). Ancora meno citano: “Da sempre utilizziamo oli biologici e naturali”.

Ora, giusto per essere antipatici mi verrebbe da dire. Se il prezzo del prodotto non è cambiato e se tu Azienda, non vuoi compromettere le tue marginalità, a questo punto hai sostituito l’olio di palma con un altro olio scadente. Non credo che nessun produttore sia disposto a fornirti un olio buono allo stesso prezzo di quello scadente.

Quindi cari colleghi. Se partiamo dal presupposto che i consumatori non sono tutti degli stupidi, forse non è più conveniente fare finta di nulla, lasciando quanto meno il dubbio che forse l’olio di palma non c’è mai stato, che confermare che c’è sempre stato, con un messaggio sbagliato?

Come è avvenuto nei giorni scorsi per il Black Friday, anche in questo caso la paura e l’omologazione possono portarci a comunicare un messaggio sbagliato.

Buon week end a tutti. Dimenticavo.

Questo articolo è stato scritto senza olio di palma, ma con olio di gomito. 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top